Allevamento PSI: Tiana e Biddau il trionfo del Made in Sardegna

Allevamento PSI: Tiana e Biddau il trionfo del Made in Sardegna

16 Marzo, 2020 0 Di Bruno24
Spread the love

Ardara, Roy Flayer e Fath Flayer, cavalli in grado di scrivere un pezzo di storia dell’allevamento Sardo del Purosangue Inglese.

Dopo aver parlato e descritto vari allevamenti e scuderie, questo numero parlerà dell’allevamento del Purosangue Inglese del sig. Vincenzo Tiana proprietario appasionato di Ardara, che insieme al suo socio e amico, il sig, Costantino Biddau, sono stati tra quelli che hanno fronteggiato con successo l’era dell’importazione del Purosangue Inglese dall’Irlanda. Le fortune di questo allevamento sono state le due fattrici Honor Pearl e in seguito Nutley Flayer.

Le prime apparizioni della scuderia Tiana si registrano tra la fine degli anni 80 e gli inizi del 90. Tra questi proprio Honor Pearl, cavalla acquistata in Italia presso l’allevamento del sig. Carlo Luigi Benedetti, che non ebbe però grandi risultati in corsa, addirittura chiuse da Maiden la carriera. A questo punto il duo Tiana – Biddau decidono di iniziare con l’allevamento del Purosangue Inglese, puntando su Honor Pearl. La si può definire anche una “scommessa” , come d’altronde lo è in Sardegna allevare il Psi. Dal piccolo paese di Ardara(SS), dove era radicato questo allevamento, il primo a scendere in pista e a vincere fu Shattol, un figlio di Sirland Junior, che trovo due vittorie di fila sul finire di carriera. Le prime vere soddisfazioni arrivarono con Coaddib, un figlio di Lunge al training di Franco Fadda che inanellò 4 vittorie consecutive a Chilivani, per poi regalare la prima trasferta oltre mare al suo allevamento, correndo a Napoli dove concluse al 6° posto. Ricorse un mese più tardi a Chilivani dove si fece male in corsa abbandonando i sogni di gloria dei suoi allevatori e proprietari.

Dopo Coaddib, agli inizi del 2000 toccò a Magic Pearl. La figlia di Magical Wonder ebbè una carriera non proprio felicissima, riuscì comunque a togliersi la qualifica di maiden vincendo a Chilivani. Andò decisamente meglio con Leunam, un figlio di Central Park che ebbe una carriera più lunga rispetto ai fratelli. Leunam vinse 6 delle 24 corse disputate, piazzandosi 9 volte. L’allevamento prosegui con Sikeshonor, un figlio di Sikeston che riuscì anche lui a trionfare in una delle 6 occasioni che ha avuto, dove non è mai uscito dal marcatore. Anche New Planet da Central Park, regalò qualche soddisfazione ai propri allevatori vincendo 5 corse e piazzandosi 15 volte in 28 corse disputate.

Sassari Ottobre 2006: l’arrivo vittorioso di Leunam e Antonello Fadda
Chilivani Dicembre 2006: la vittoria di Sikeshonor e Antonello Fadda

La svolta arriva dal 2008 in poi. Honor Pearl nel frattempo fu affiancata da Nutley Flayer, quest’ultima figlia di Marju fu acquistata come fattrice gravida da Fath alle aste di Goffs in Irlanda. Entrambe le fattrici danno alla luce la femmina Ardara e il maschio Fath Flayer. Dei due, entrambi preparati da Antonio Cottu, il primo a debuttare fu Fath Flayer nell’Agosto del 2006. La sua stagione a 2 anni fu di una vittoria e 4 piazzamenti di cui un 2° posto a Napoli e un 3° a Livorno, mentre Ardara figlia di Ekraar riuscì a debuttare lo stesso anno a Dicembre. Nel 2009 la carriera di Ardara e Fath Flayer prosegui di pari passo senza però mai affrontarsi a 3 anni. Ardara inizio far intravedere importanti qualità nelle prime uscite dove colse anche una vittoria. Successo poi bissato nel Pr. B.B.A Italia con Massimo Marcialis in cabina di regia, emergendo contro le femmine più esperte, piegando da perfetta outsider la favorita compagna di box Cramorada. Segue un buon 4° posto nel “Nino Costa” questa volta anche contro i maschi più esperti. Intanto Fath Flayer ottiene un altra piazza d’onore a Pisa, vince e convince a Chilivani per ben 2 volre e affronta più volte la traversata mediterranea per ottenere un’importante successo a Roma.

Il 2010 è l’anno della consacrazione per Ardara. Arriva il bis nel B.B.A Italia da top weght con in sella Antonello Fadda. Nel “Regione Sarda” si dovette arrendere alla qualitativa coppia di scuderia Elleno e Gibralatar Applied, corsara a Chilivani. Un mese più tardi Ardara conquistò a Sassari il “Nino Costa” al termine di una serrata lotta con Fath Flayer, che diede filo da torcere alla compagna di allevamento per tutta la retta Turritana, con il jockey Antonello Fadda e l’allievo Pasquale Salis finiti a fruste alzate.

Sassari Ottobre 2010: Il Pr. Nino Costa risolto di una corta testa da Ardara e Antonello Fadda sul combativo Fath Flayer e Pasquale Salis che se la fecero davanti sin dalle prime battute.

Il duello tra i due venne riproposto nel 2011. A Giugno a Chilivani fu ancora una volta Ardara imporsi sul compagno di training Fath Flayer, con in sella Massimo Marcialis. Ad Agosto si dovette arrendere ancora una Fath Flayer, battuto nettamente da Ardara nel “Nino Costa” sempre interpretata da Massimo Marcialis. Ma la vendetta è un piatto che va servito freddo. Si arriva cosi al Gran Premio Regione Sarda, la corsa clou in Sardegna per i Purosangue Inglese di 3 anni e oltre. Ardara contro Fath Flayer è questo il tema, rispettivamente con in sella Massimo Marcialis e Salvo Basile. La corsa si risolve agli ultimi 300 mtv, con Fath Flayer che anticipa le mosse di Ardara, staccando nel finale con Ardara che riesce sul palo ad acciuffare il 2° posto. Due cavalli nati e allevati in Sardegna e per giunta dello stesso allevamento al 1° e al 2° posto nel “Regione Sarda”. Una cosa più unica che rara nella storia di questa competizione, il merito è degli allevatori Vincenzo Tiana e Costantino Biddau affiancati con Fath Flayer dal sig. Angelino Soddu; una delle tante storie sarde di uomini e di cavalli.

Chilivani Settembre 2011: non poteva scegliere vendetta migliore Fath Flayer per battere la compagna di allevamento Ardara, trionfando nel 36° G.P Regione Sarda.

Fath Flayer concluse la carriera nel 2011, disputando 40 corse, vincendone 9 e piazzandosi 16 volte, per un totale di somme vinte di Euro 45.475,00. Ardara terminò la carriera un anno più tardi. Ha collezionato 12 vittorie e 16 piazzamenti in 41 corse disputate, vincendo al traguardo la somma di Euro 54.325,40. Ardara attualmente fattrice ha due prodotti scesi in pista, entrambi vincitori.

La favola di questo allevamento è proseguita con l’immenso Roy Flayer. Anche lui inizialmente tardivo, figlio di Roy Dazing, a 2 anni non andò oltre il 7° posto nelle 5 corse disputate. A 3 anni cambiò gestione, con il passaggio di età inizia ad invertire la rotta. Arrivarono subito i primi frutti del lavoro di Antonello Putzu, il quale instaurò con Roy Flayer un rapporto simile tra padre e figlio. Una serie di buoni piazzamenti in primavera furono il preludio alla prima vittoria che arrivò in estate a Sassari. La crescita esponenziale di Roy Flayer fu confermata anche con 3° posto nel ” Nino Costa” contro gli anziani. Ma il capolavoro di Putzu e Roy Flayer arriva in occasione del 38° Gran Premio Regione Sarda, ancora contro gli anziani, ma questa volta il “sauro volante” con in sella un impeccabile Nicol Polli non si lascia sfuggire l’occasione e con una progressione devastante tanto quanto imparabile in retta finale, sorvola gli avversari per imporsi meritatamente e bissare il successo del fratello Fath Flayer. Da lì in poi Roy Flayer diviene il beniamino di tutti gli appassionati, sentimentalmente coinvolti dall’evolversi della sua carriera, che man mano diventa sempre più gloriosa e quegli anni diventa il cavallo da battere. Nell’estate del 2014 mette in fila a Sassari 3 vittorie conquistando il ” Nino Costa” per i colori del sig. Fabrizio Cappai. Nel 2015 la stagione non è tra le più rosee, dopo il successo al rientro con l’Amazzone Valentina Oglialoro, Roy Flayer va incontro a qualche prestazione sotto standard. Ma il “sauro volante” ha oltre la qualità una generosità difficile da riscontrare in altri cavalli. Con questi valori concede il bis portandosi a casa il 40° Gran Premio Regione Sarda. Con in sella Francesco Dettori, Roy Flayer contrariamente al suo modo di correre attua la tattica di front runner. Un jolly giocato perfettamente dal suo mentore Lello Putzu, Roy Flayer, forse sottovalutato dagli avversari come dagli scommettitori, imposta a proprio piacimento i numerosi parziali che proponevano i 2400 metri. In retta finale il figlio Nutley Flayer si rende imprendibile e sotto la spinta energica di Dettori riesce a sottrarsi dagli attacchi dei rivali più accreditati Austro e Silldora. Un’altra importante affermazione per l’allevamento Ardarese, il 3° successo nel “Regione Sarda”, unico allevamento in assoluto ad esserci riuscito. Roy Flayer è anche l’ultimo cavallo nato e allevato in Sardegna ad aver vinto in questa competizione.

Chilivani Settembre 2013: Roy Flayer interpretato da Nicol Polli, all’età di 3 anni timbra l’edizione numero 38 del “Regione Sarda” .
Chilivani Settembre 2015: il bis di Roy Flayer nel “Regione Sarda” montato da Francesco Dettori. Roy Flayer assieme a Mar dei Coralli è l’unico ad esser riuscito a vincerlo 2 volte.

Come risaputo, l’allevamento di Purosangue Inglese in Sardegna non è stato mai semplice per gli allevatori da portare avanti, soprattutto in termini di stalloni che di fatto ne determinano i risultati. Ecco perché questo cadeau all’allevamento di Ardara dei sig.ri Vincenzo Tiana e Costantino Biddau, che nel loro piccolo hanno scritto pure loro qualche pagina di Ippica Sarda. Questo allevamento ha corso per ben 257 volte, vincendo 51 corse e ha ottenuto 93 piazzamenti. Tra le vittorie più importanti:

  • 3 Gran Premio Regione Sarda
  • 2 B.B.A Italia
  • 3 “Nino Costa”

SE TI PIACE QUELLO CHE FACCIO, CONSIDERA DI FARE UNA DONAZIONE TRAMITE PAYPAL. PUOI SOSTENERE IL BLOG ANCHE DONANDO  SOLO 1 CENTESIMO OPPURE PRENOTANDO Il CALENDARIO DEL 2020 TRAMITE I SOCIAL DI SPOONRIVER.BIZ O CONTATTANDO IL 3804973633

🔴PRENOTA ORA IL TUO CALENDARIO🔴
CONDIVIDETE!