Amour è la punta di un iceberg fatto di storia e tradizione dall’allevamento sardo…..

Allevamento, Corse del Passato Attualità
Spread the love

La vittoria Pisana di Amour, offre tanti spunti di interesse e soprattutto di riflessione per chi alleva il Purosangue Arabo in Sardegna. Amour ha vinto la 3° Corsa consecutiva, la 4° in carriera su 9 corse disputate, delle quali qualcuna anche sfortunata, battuto dell’imbattuto in Italia Avez de Pine. In attesa di un nuovo confronto, Amour è cresciuto tanto negli ultimi mesi, mostrando solidità fisica e mentale, tesi confermata dal suo interprete Domenico Migheli al termine della fresca vittoria.

Ma chi è Amour? È un Purosangue Arabo 100% Made in Sardegna, la sua linea di sangue è radicata nel tempo, scolpita negli albo d’oro delle grandi corse dai diversi campioni che questo vasto albero genealogico ha sfornato. Amour è attualmente la punta di un grande icesberg fatto di storia, tradizione e successi di tanti allevamenti isolani.

Il padre Filindeu non ha bisogno di grosse presentazioni, figlio di Elmas, per i più smemorati aggiungo fratello pieno di Bonorvesu, Thaora e Dancalia, uterino di Caligola, Venere, Zulaikka e Estasiata.

La madre, Tadasuni, proviene dal ceppo di Flumendosa (Medar), una linea formidabile di sangue che continua tutt’oggi ad essere competitiva ai massimi livelli. Tadasuni è una figlia di Arborea lll (Flumendosa) e Veinard al Maury, sorella uterina di Ruiu, Ussaro De Zamaglia e Ajo de Zamaglia, mentre la linea femminile si è messa in luce in razza con Baiana de Zamaglia e Elena de Zamaglia, con prodotti vincitori fino alla 3° generazione: Lughida de Zamaglia, Nuraghe de Zamaglia, Tabasco e Valorusu de Zamaglia e tanti altri.

Dunque tutti cavalli che provengono dagli allevamenti Sardi, di base quello del’Istituto Incremento Ippico della Sardegna; così come Amour che va e si confronta con le linee di Amereto, Af Albahar e chi ne ha più ne metta. Spesso ho sentito dire che in Sardegna siamo indietro con il sangue, che è difficile andare a competere con le scuderie della penisola. Può darsi di si, ma può darsi pure che Amour e anche Avez de Pine (figlio di Razza di Gallura da Fata de Nulvi) siano in parte la risposta. Perché se non si valorizza e tutela ciò che è stato “nostro” un tempo e nel mentre lo fanno quelli di fuori ottenendo risultati, qualche domanda sulla gestione del famigerato patrimonio genetico bisogna porserla, magari in maniera costruttiva per il futuro.

SE TI PIACE QUELLO CHE FACCIO, CONSIDERA DI FARE UNA DONAZIONE TRAMITE PAYPAL. PUOI SOSTENERE IL BLOG ANCHE DONANDO  SOLO 1 CENTESIMO OPPURE PRENOTANDO Il CALENDARIO DEL 2020 TRAMITE I SOCIAL DI SPOONRIVER.BIZ O CONTATTANDO IL 3804973633.

Lascia un commento