Palio di Buti: conosciamo meglio i 7 cavalli, due sono gli Anglo Arabo Sardo in gara.

Corse, Palii, Cavalli, Allevatori, Fantini Oltre Mare
Spread the love

Vanadio da Clodia, Ribelle da Clodia, Violenta da Clodia, Umatilla, Brigantes, Tiepolo e Vankook, sciolte le riserve sono questi (salvo sorprese dell’ultima ora) i 7 cavalli ingaggiati dalle rispettive Contrade, che vedremmo protagonisti il prossimo 19 Gennaio al tradizionale Palio di Buti, di fatto primo appuntamento Paliesco del 2020. Conosciamo i 7 Anglo Arabo, dei quali 2 sono nati e allevati in Sardegna.

Vanadio da Clodia – San Nicolao

Da Lord de Bonorva(ms) e Borgia da Clodia(ms), Fondo Inglese nato nel 2015, allevato dalla sig.ra Alessandra Capparella. Ha intrapreso perfettamente le orme dei compagni di allevamento Bochalet, Imperatore, Adone e Ribelle da Clodia, tutti fiore all’occhiello dell’allevamento da Clodia. Nel suo primo anno di attività ha vinto tutto timbrando tutte le classiche riservate agli Anglo Arabo per la felicità della connection Narduzzi – Modanesi. A quattro anni si distingue ancora nelle regolari, oltre ad esordire con profitto in “Provincia”, talvolta impressionando per il suo modo di vincere autoritario. Non è dispiaciuto al Palio di Asti, dove è riuscito ad ottenere l’accesso in finale e a disputarla dignitosamente. A Buti è all’esordio.

Ribelle da Clodia – San Rocco

Da Bombolino(ms) e Smollet, Fondo Inglese nato nel 2013, allevato dalla sig.ra Alessandra Capparella. È un cavallo di un’altra categoria il pupillo di casa Clodia, la sua carriera è corredata di innumerevoli successi che ne fanno di lui il miglior Anglo Arabo d’Italia nell’ultimo quinquennio con i suoi 19 successi, 12 piazzamenti e 101.990,50 Euro di somme vinte in 33 corse disputate. Soggetto duttile che si è adattato dopo un periodo di rodaggio anche all’attività di “Provincia”, concretizzando la sua ascesa nel mondo Paliesco con la splendida vittoria al Palio di Asti lo scorso settembre. A Buti deve cancellare il Palio del 2018, dove ha deluso le attese di San Francesco mostrandosi alla mossa nevrile e poco gestibile. Sicuramente lo ritroveremo più maturo in questa edizione.

Violenta da Clodia – Pievania

Da Bombon(ms) e Dune D’Azur(ms), Fondo Inglese nata nel 2013, allevata dalla sig.ra Alessandra Capparella. Cavalla encomiabile per costanza di risultati, sempre positiva quando chiamata in causa nella sua prima stagione a 3 anni, nella quale riuscì a vincere a Grosseto il G.P D’Autunno dell’Anglo Arabo. La sua morfologia si è sposata alla perfezione con la vita Paliesca, inquadrata dal team Milani, Violenta da Clodia diventa un nome chiacchierato e mostra le sue qualità al Palio Straordinario del 2018. Poi viene ingaggiata a Buti dalla Pievania, con la quale lo scorso anno riuscì ad accedere alla finale disputando una super batteria di recupero, nonostante un piccolo inconveniente nella prima che poi inevitabilmente ne ha limitato la prestazione in finale. Ma il 2019 la consacra come stacanovista: Buti, Follonica, Ferrara e poi due volte il Palio di Siena, con la vittoria sfiorata a Luglio sfumata a pochi metri dal bandierino, mentre ad Agosto ebbe una carriera travagliata tanto quanto sfortunata. Riparte come lo scorso anno da Buti.

Umatilla – Ascensione

Da Pantuosco(ms) e Aradia, Fondo Inglese nata nel 2013, allevata dalla sig.ra Cristina Ermini. Inizia abbastanza positivamente la sua vita da atleta, a 3 anni conquista 5 vittorie e 3 piazzamenti in 9 corse disputate. Da sempre sotto la gestione di Giovanni Atzeni, che pian piano riesce ad avvicinarla alla provincia. Umatilla si dimostra subito disponibile, le sue qualità vengono esaltate correndo un bel Palio di Asti nel 2017. Poi il bell’esordio a Buti dove trova casa nella Contrada di Ascensione giungendo seconda dietro Bomario da Clodia. Umatilla diventa grande protagonista del Palio della Costa Etrusca vincendolo due volte consecutive, in mezzo c’è un altro secondo posto al Palio di Buti lo scorso anno. A Buti ha sempre fatto bene, soprattutto in batteria, mancando un filo di incisività e cattiveria in finale.

Brigantes – San Michele

Da Il Curato(ms) e Regina di Marzo, Fondo Inglese nato nel 2010, allevato dal sig. Pietro Angeletti. Carriera delle regolari povera di prestazioni considerando che è entrato nel decimo anno di età. Ha comunque disputato 6 corse vincendone una e piazzandosi altre tante volte. Ha girovagato in varie scuderie alla ricerca di una definitiva dimensione anche perché lasciava intravedere interessanti doti, come ha dimostrato nel 2018 alla tratta di Fucecchio, che gli valse il pass per correre il Palio. Toccato in sorte a Cappiano, la sua prestazione fu limitata dalla politica paliesca. Bene nelle corse su “strada” dove a sfiorato il successo in diverse occasioni fino a trionfare lo scorso Settembre al Palio del Drappo a Loreto. A Buti è all’esordio.

Tiepolo – La Croce

Da da Demmon e Mai Come Lei, Fondo Inglese di 7 anni, nato in Sardegna a Chiaramonti(SS), è stato allevato dal sig. Sebastiano Cherchi. La sua attività agonistica inizia nel 2015 debuttando e piazzandosi a Sassari. Vinse alla terza uscita la sua unica gara nelle regolari, chiudendo la stagione a 3 anni con una vittoria e 7 piazzamenti. Sbarcato nelle scuderie del sig. Fioravanti inizia ad adattarsi rapidamente all’attività Paliesca, mostrando una spiccata attitudine nelle corse in “Provincia”. Nel 2017 si mise in luce nelle varie prove di primavera, un preludio del trionfo al Palio di Fucecchio. Da quel momento diventa un “big”, corteggiato da molte Contrade dei vari Palio d’Italia. Un po’ sfortunato nei successivi ingaggi, lo scorso anno esordì a Buti dove non riuscì a qualificarsi per questione di centimetri, al termine di una lunga volata con Qui Pro Quo e Violenta da Clodia. Al contrario lo scorso Settembre riuscì ad ottenere il passaggio in finale al Palio di Asti, ma non disputò la finale per noie fisiche.

Vankook – San Francesco

Da da Montiglio(ms) e Ogiva(ms), nato nel 2014 in Sardegna, allevato a Bortigali(NU) dal sig. Pietro Piras. Ha mosso i primi passi sotto la guida dell’allenatore Pietro Carzedda e già a 3 anni lasciò intravedere alcune qualità vincendo al debutto a Firenze con in sella Andrea Fresu e giungendo 4° al Derby dell’A.A a Grosseto. A 4 anni approda nella scuderia di Giosuè Carboni. Gli alti e bassi nelle regolari lo spingono sempre più verso il mondo del Palio, intraprendendo un precoce percorso di crescita accompagnato dall’esperienza di Carburo, che contava tanto sulla linea si sangue di Vankook. Il lavoro viene premiato corsa dopo corsa, Vankook acquisisce subito esperienza e diviene un cavallo adatto al “gioco”, fornendo prove convincenti nelle corse di “Provincia”. Bene lo scorso anno sulla “Buca” Fucecchiese, dove al termine di una buona tratta viene scelto per correre il Palio, andando in finale per Querciola, dove non sfigurò affatto contro avversari più esperti di lui. A Buti è all’esordio.

SE TI PIACE QUELLO CHE FACCIO, CONSIDERA DI FARE UNA DONAZIONE TRAMITE PAYPAL. PUOI SOSTENERE IL BLOG ANCHE DONANDO  SOLO 1 CENTESIMO OPPURE PRENOTANDO Il CALENDARIO DEL 2020 TRAMITE I SOCIAL DI SPOONRIVER.BIZ O CONTATTANDO IL 3804973633

PRENOTA ORA IL TUO CALENDARIO

Lascia un commento