Dorgali il paese dei talenti Fabio Branca e Silvano Mulas.

Attualità
Spread the love

Oltre ai fantini Branca e Mulas, Dorgali è terra di uomini di cavalli come il trainer Francesco Brocca e l’ex fantino di corse a pelo Tonino Soggia.

Dorgali è un paese della provincia di Nuoro di circa 8.500 abitanti. Caratteristico per il suo territorio montuoso che incontra il mare, è un paese anche di uomini di cavalli, che ha dato i natali a personaggi attualmente illustri del panorama ippico Italiano e Sardo. Su tutti Fabio Branca e Silvano Mulas, due jockey di fama consolidata. Il trainer che opera in Sardegna Francesco Brocca, senza dimenticare l’ex fantino di mille battaglie nelle corsa a pelo isolane Tonino Soggia. Anche gli eredi di questi ultimi due si sono messi in luce nel loro piccolo, il Gentleman Pietro Brocca e il fantino da palio Giovanni Soggia.

Fabio Branca: classe 1985, ha realizzato il suo sogno da bambino, quello di poter lavorare con i cavalli come il fratello Mauro, allora jockey dell’ostaccolismo. L’ha fatto divenendo una delle migliori fruste nazionali, grazie al suo talento naturale che ne fa di lui un jockey vincente. Branca lo si può definire genio e sregolatezza, il suo soprannome è Harry Potter per via delle sue magie compiute in sella in più di 1500 vittorie vinte in carriera, su oltre 7000 corse disputate. Ha timbrato tutte le Pattern del Galoppo Italiano, non si è fatto mancare nulla. Cresciuto a pane e cavalli, Fabio è emigrato da giovanissimo lasciando Dorgali per inseguire il suo sogno a 14 anni, andando in Francia per poi rientrare in Italia è frequentare il corso di allievo fantino. Debutta a Pisa nel 2000 all’età di 15 anni, la sua prima vittoria arriva lo stesso anno a Grosseto. Dopo i primi anni di gavetta d’allievo, il promettente Branca inizia la sua escalation, da allievo ad alieno è stato un attimo. Vince il frustino d’Oro nel 2005 all’età di vent’anni e dopo un periodo di “riflessione” in Irlanda, torna in Italia e protagonista grazie anche al sodalizio con la gloriosa scuderia Effevi, con la quale ha vinto di tutto e di più, dal Derby e le Oaks a tutte le altre classiche, oltre a corse di Gruppo in Francia e Inghilterra. Lo scorso anno ha raggiunto le 1500 vittorie, ha vinto con una delle sue magie le Oaks a Milano in sella alla Dormeliana Lemaire, il Lydia Tesio con la fuoriclasse Call Me Love e il Federico Tesio con Chestnut Honey, entrambi dell’Effevi. Ma queste sono solo alcune delle tante prestigiose vittorie del “mago” Branca, che in futuro proverò a raccontare.

Fabio Branca con i colori dell’Effevi in sella al fedelissimo Dylan Mouth, con il quale ha vinto il suo primo Derby, trionfando nel 131° Derby Italiano del Galoppo e poi conquistando ll Jockey Club e Gran Premio di Milano a Milano.
Milano Giugno 2019: la freddezza del mago Branca, nell’istantanea che lo immortala in sella a Lemaire mentre mette la testa davanti a tutti conquistando le Oaks.

Silvano Mulas: classe 1984, ha iniziato sin da piccolo ad andare a cavallo, influenzato anche dallo zio fantino Tonino Soggia. La sua carriera è stata caratterizzata dall’alternanza tra “regolari” e palii. Ha debuttato in Ippodromo nel 2001 all’età di 17 anni a Pisa, sullo stesso tracciato ottiene la sua prima vittoria lo stesso anno. Si distingue subito per la sua tenacia e voglia di vincere, oltre ad una perspicace tecnica. Dopo due anni di attività sfiora le 100 vittorie in stagione, entra a far parte del team del trainer Bruno Grizzetti, il quale ripone fiducia sul fantino Dorgalese, affiancandolo a Dario Vargiu. L’apice della carriera arriva nel 2008. In sella al fenomenale grigio Cima de Triomphe, conquista la vittoria nella corsa più importante in Italia vincendo il Derby Italiano a Capannelle, realizzando così il sogno di una vita di ogni fantino italiano. La sua carriera sembrava aver svoltato definitivamente, ma Silvano ha un altro sogno ancor più grande, che forse coltiva da bambino, quello di correre e vincere il Palio di Siena. Inizia la strada per arrivare alla metà, cimentandosi a capofitto sulle corse a pelo. La sua immensa “Voglia” lo accompagnerà fino alla fine, fino a concretizzare il suo sogno, centrando pianamente l’obiettivo nel Luglio 2010, trionfando in Piazza del Campo in groppa alla grigia Fedora Saura, portando in giubilo la Contrada della Selva. La storia è fatta, scritta con due cavalli grigi Cima de Triomphe e Fedora Saura, diventando così unico fantino ad aver vinto le due corse più importanti sia per il galoppo italiano che nelle corse a pelo. Questo è Silvano Mulas!

Roma Maggio 2008: Silvano Mulas in sella a Cima de Triomphe, varca per primo il traguardo difendendosi dagli attacchi di Permesso, conquistando il 125° Derby Italiano del Galoppo.
Siena Luglio 2010: Silvano Mulas in groppa a Fedora Saura durante le prove del Palio, poi vinto.

Francesco Brocca: classe 1967, è un affermato allenatore del Galoppo Sardo. Anche lui Dorgalese doc, ha girovagato per l’Italia prima di accasarsi definitivamente a Chilivani, dove attualmente risiede la sua scuderia. Non sono mancate le soddisfazioni, in Sardegna ha vinto quasi tutto (Derby Sardo a parte). Dal “Regione Sarda” con Great Jack al Criterium con Single Boy, agli Internazionali e le corse di cartello per Anglo Arabo con Ossidiana Bella, Sorunessa e Demon, giusto per citarne qualcuno. Abile preparatore di cavalli da Palio, con i suoi alfieri ha vinto in tutte le “feste” dell’isola. Grazie ai suoi esiti sportivi ottenuti, oggi gode della stima e fiducia di tanti proprietari. Il suo mestiere e la sua passione l’ha trasmessa a suo figlio Pietro, un giovane Gentleman già vittorioso di diverse corse e con un futuro scritto nell’Ippica.

Chilivani 2010: l’allenatore Francesco Brocca posa con l’Anglo Arabo Ossidiana Bella, poi vincitrice dell’Internazionale.
Sassari Luglio 2019: ritratto per la famiglia Brocca che festeggia il successo del Gentleman Pietro in sella a Red Cross.

Tonino Soggia: di quelli citati è l’unico che risiede da sempre a Dorgali. Proprietario di un’azienda di bestiame, ha fatto il fantino come secondo lavoro o più semplicemente come hobby. Spinto dalla passione, Tonino Soggia è stato un fantino all’antica, uno di quelli che oggi difficilmente ci sono. Grinta e tecnica di stare a cavallo, sono valori che gli hanno permesso nella sua attività di fantino di rendere la sua passione redditzia, grazie alle numerose vittorie ottenute in giro per le feste dell’Isola e il suo nome infatti è conosciuto da tutti nell’ambiente dei cavalli. Il figlio Giovanni, ha ereditato la passione del padre concludendola allo stesso modo, dando priorità all’azienda di famiglia. Anche lui vanta numerose vittorie in giro per la Sardegna ed è uno dei volti attuali delle corse a pelo Sarde.

Tula Agosto 2016: il fantino Tonino Soggia in una delle sue ultime apparizioni nelle corse a pelo dove è stato per anni protagonista.

SE TI PIACE QUELLO CHE FACCIO, CONSIDERA DI FARE UNA DONAZIONE TRAMITE PAYPAL. PUOI SOSTENERE IL BLOG ANCHE DONANDO IL COSTO DI UN SOLO CAFFÈ, OPPURE PRENOTANDO Il CALENDARIO DEL 2020 TRAMITE I SOCIAL DI SPOONRIVER.BIZ O CONTATTANDO IL 3804973633

ACQUISTA ORA IL TUO CALENDARIO E SOSTIENI ANCHE TU IL BLOG

Lascia un commento