Antares del Ma’, Memo De L’Alguer e Onnessa de Nurra, brillano i 4 Mori oltre mare.

Corse, Palii, Cavalli, Allevatori, Fantini Oltre Mare
Spread the love

Successo meritato per l’Arabo del team Accorra’-Ruzzu a Pisa, strepitoso 2° di Memo De L’Alguer a Capannelle in Listed, a San Siro trionfa Onnessa de Nurra nella finale Sprinter.

La Sardegna galoppa forte oltre mare con Antares del Ma’, Memo De L’Alguer e Onnessa de Nurra, i 3 cavalli “Sardi”protagonisti nel weekend rispettivamente a San Rossore, Capannelle e San Siro.

Sabato 14 Novembre si è disputato a Roma il Criterium Femminile, Listed Race riservata a sole femmine Purosangue Inglese 2 di anni, sui 1500 metri di pista grande. Dalla Sardegna si presentava in grande ascesa la laureata del Criterium Sardo Memo De L’Alguer, per misurarsi in una compagnia abbastanza tosta capeggiata da Havana Love, seconda nel Dormello GR2 dietro all’imbattuta Telepatic Glances. La portacolori della San Giuliano, con Mario Sanna a bordo è stata l’unica capace di mettere seriamente in discussione il successo della favorita Havana Love, subito messa sulle punte dal suo interprete. La figlia di Mehmas si è resa protagonista di una prova generosa, correndo di rimessa, adeguandosi ai primi parziali scivolati in modo spedito. In retta finale, Memo De L’Alguer si presentava a centro gruppo con fare deciso ed ha attaccato con coraggio la vincitrice del team di Alduino e Stefano Botti, che con Dario Vargiu in sella era passata al comando anzitempo sottraendosi chiaramente da tutte, tranne da Memo De L’Alguer, che ha venduto cara la pelle fin sul palo, distanziata da Havana Love di una lunghezza e mezza, con la Incolinx Arriva Veloce al 3° posto ad oltre 2 lunghezze dalla Sarda, poi via via le altre. Un secondo posto che vale tanto per il team Algherese, che conquista il primo piazzamento in una corsa di Listed, coronando il lavoro mattutino del morning jockey Leonardo Chessa e la passione e gli investimenti fatti dal sig. Domenico Manca, titolare della scuderia San Giuliano. Un risultato importante, che da lustro e mette in vetrina l’ippica Sarda, ma soprattutto accende speranze e sogni da riporre su questa puledra. Complimenti!.

Da Capannelle a San Rossore, per celebrare ancora una volta il Purosangue Arabo Antares del Ma’, che Domenica 15 Novembre ha vinto meritatamente l’edizione 2020 della Moutai Cup, Condizionata sui 2200 metri per Arabi di 4 anni ed oltre. Nonostante i soli 4 partenti, la corsa è stata combattuta fino agli ultimi metri tra i due più attesi della vigilia: Antares del Ma’ e Ramiz Al Aziz. Il cavallo sellato da Giulia Accorra’, con un ritrovato Maikol Arras in cabina di regia, ha lasciato questa volta l’iniziativa per tutta strada al rivale, le cui redini erano gestite da Tore Sulas. Ai 400 finali si accende il duello, con Ramiz Al Aziz che prova a respingere gli attacchi di Antares del Ma’, con quest’ultimo che insiste con decisione e nel tratto ultimo passa di forza sotto la cravascia di Arras avviandosi meritatamente verso il successo. Una vittoria che segna il ritorno alle competizioni di Maikol Arras, ma soprattutto regala dopo il brillante 2° posto in GR3, la prima gioia oltre mare per il training di Chiaramonti di Giulia Accorra’ e Gianni Ruzzu. Bravissimi! Di conseguenza Antares del Ma’ fa felice i suoi proprietari: la sig.ra Anna Teresa Vincetelli e il sig, Maurizio Muntoni, titolari dell’allevamento del Ma’. Complimenti!

Da Capannelle a San Rossore, per poi “passare” a San Siro, dove sempre Domenica 15 Novembre ha ritrovato il successo Onnessa de Nurra, la Purosangue Inglese di 4 anni della scuderia Demalas di Fonni, timbrando con un sensazionale Alessandro Fiori in sella la Finale San Siro Sprint sui 1200 metri. Nelle preceenti 4 eliminatorie, Onnessa de Nurra aveva ottenuto un 6°, 4°, 6° e 3° posto, per poi colpire duro nella prova più importante di questo circuito. Una corsa perfetta quella impostata dal jockey di Florinas, che ha gestito al meglio le frazioni iniziali sistemandosi inizialmente in coda del gruppo che viaggiava abbastanza compato. Onnessa de Nurra, allenata da Eugenio Goldin, è avanzata a fari spenti per vie interne, rispondendo in maniera veemente non appena richiesta a maggior impegno da Fiori, per poi lanciare la lunga volata e staccarsi chiaramente nel finale con il piglio giusto da cavalla assolutamente interessante. Un numero, vista la buona categoria da circoletto rosso per la portacolori della scuderia dei sig.ri Giovanni Maria e Graziano Demelas, che raggiunge così la 5° vittoria in carriera; sicuramente oggi questa è la più importante ottenuta dalla figlia di Camacho e Mrs Bannok, che aveva iniziato la sua attività agonistica nel 2018 in Sardegna, debuttando a Chilivani con un 2° posto sotto la gestione del team Cottu. Complimenti a tutto l’entourage!