Sud Sound System la favola “sarda” continua…

Spread the love

7° centro in carriera in carriera per il Psi nato e allevato in Sardegna, se lo godono i loro proprietari e il trainer Pala.

Con la vittoria ottenuta Mercoledì 25 Novembre all’Ippodromo di Villacidro, il purosangue inglese di 5 anni Sud Sound System raggiunge quota 7 sigilli in carriera. Un ruolino di marcia che può sembrare banale, ma non lo è a fatto. Il percorso di Sud Sound System è stato molto diverso rispetto alla maggior parte dei cavalli, complicato fin dal suo primo respiro perché perse la madre subito e con essa tutto il supporto necessario per crescere. Alla mamma, Menkar, ex L3C, si è sostituita l’appassianata famiglia Piras, originaria di Pozzomaggiore ma residente a Sassari. Con pazienza, sacrifici e dedizione, sono riusciti a far crescere Sud Sound System nei migliori dei modi, colmando in gran parte tutto ciò che la mamma potesse dargli. Allevato a biberon o a ciuccetto, come si usa dire in gergo, il baio oscuro ha ripagato in pista, prima tutti gli sforzi allevatoriali dei Piras e poi quelli del team di proprietari coinvolti in questa fantastica avventura da alcuni dei membri della famiglia, su tutti Giuseppe Piras, seguito dal fratello Giovanni che spesso lo accompagna in pista(come si vede esultare nell’immagine di copertina, ai quali si aggiungono i soci Bastiano Pontis e Paolo Spissu. Ma in termini allevatoriali, ovviamente è coinvolta tutta la famiglia, con i restanti fratelli Pietro ed Antonello e, tutti fanno a capo del titolare dei colori del sig. Bachisio Piras. La soddisfazione é ampiamente condivisa con il trainer Gian Marco Pala, che ha “ereditato” il figlio di Sound Of Desert quando aveva 3 anni e da lì è iniziata questa bella storia di ippica, passione e divertimento per tutto l’entourage di Sud Sound System, togliendosi la piccola soddisfazione di aver timbrato il cartellino anche a Villacidro, dove storicamente non si era quasi mai trovato a proprio agio. Invece, collocato nel contato giusto, ha portato a casa la 1000 metri in pista dritta, riservata ai Gentleman, grazie all’interpretazione delle mani sapienti di Marcello Giordani. Bravi e complimenti ragazzi!