Aio’ de Sedini ad Asti, Ultimo Baio, Zamura e Veranu a Piancastagnaio, Fermo e Castel del Piano, il made in Sardegna funziona sempre.

Spread the love

Positiva stagione paliesca per l’anglo arabo sardo in giro per l’Italia conclusasi con i successi di Zamura, Ultimo Baio, Aio’ de Sedini e Veranu.

Dal Palio di Fermo al Palio di Castel del Piano, in mezzo Piancastagnaio e Asti, tutti griffati da cavalli di razza anglo arabo sardo, ovvero mezzosangue nati e allevati in Sardegna, tra l’altro tutti protagonisti e vittoriosi negli ippodromi isolani prima di essere acquistati e importati in Toscana.

ZAMURA il 15 Agosto ha vinto la Cavalcata dell’Assunta del Palio di Fermo, migliorando il secondo posto del 2021. La mezzosangue di 7 anni da Jupiters Moon e Livia de P.Ulpu, nata e allevata a Nulvi dal sig. Natalino Sanna, per il quale all’età di 3 anni ha difeso i colori vincendo 3 corse, ha vinto il secondo palio della carriera, dopo quello conquistato lo scorso ottobre a Sedilo. La saura di Federico Di Piazza, ben montata da Alberto Ricceri, ha gestito la batteria di qualificazione per poi dare tutto in finale vincendo da un capo all’altro per la contrada Campiglione.

ULTIMO BAIO il 18 Agosto ha trionfato a Piancastagnaio battendo nell’ordine i cavalli Vanda’ e soprattutto i sempre temibili e qualitativi “da Clodia” Ribelle e Adone. Il baio di 9 anni da Ispanico Sauro e Mia Logan, nato e allevato a Mores dal sig. Giuseppe Multinu, per il quale vinse una corsa, trova il secondo successo in un palio entrambi ottenuti proprio a Piancastagnaio. Il cavallo preparato da Valter Pusceddu ma interpretato da Gavino Sanna, è riuscito alla prima curva ad infilare Ribelle da Clodia e Silvano Mulas che avevano preso la testa della corsa, perdendola poi sull’entrata precisa di Ultimo Baio, che da quel momento in poi ha gestito il vantaggio respingendo gli inutili attacchi del compagno di box Vanda’. Gavino Sanna, all’esordio assoluto in questo palio, porta in trionfo la contrada Coro.

AIO’ DE SEDINI il 04 Settembre ha vinto il Palio di Asti, primo mezzosangue nato e allevato in Sardegna a riuscirci interrompendo un dominio clodiano che l’aveva visto protagonista nelle ultime 3 edizioni da quando è stato introdotto l’anglo arabo ad Asti. Il 6 anni da Sound Of Desert e Gelosia de Sedini, nato e allevato a Sedini dal sig. Pancrazio Piana, ha avuto ad oggi una carriera nelle regolari prive di vittorie, sia in Sardegna che in continente. Però ad Asti ha compiuto un autentico capolavoro, grazie alla puntuale monta del suo stesso preparatore e proprietario Giuseppe Zedde. Gingillo è stato impeccabile nella gestione di tutto il Palio e assieme al suo Aio’ de Sedini, che tra l’altro esordiva in Piazza Alfieri, ha mostrato la coda ai rivali riportando dopo 5 anni il palio al borgo San Lazzaro. Per il fantino originario di Noragugume si tratta del 5° successo al Palio di Asti.

VERANU l’11 Settembre ha vinto all’esordio in un contesto del genere il Palio di Castel del Piano. 8 anni da Vidoc III e Lattona, nato e allevato a Fonni dal sig. Gianluca Gregu, per il quale vinse una corsa all’età di 3 anni. Acquistato da Carlo Sanna con il quale ha svolto diversi “protocollo” comprese prove di notte e Tratte, oggi e’ preparato da Federico Arri. Ma il destino ha voluto che Brigante e Veranu si incontrassero nuovamente, per scrivere insieme una pagina di storia di questo palio trionfando, o meglio dominando la scena per la contrada Borgo. Per il fantino di Sindia si tratta del 3° successo in questa manifestazione.

Lascia un commento