La prima vittoria di Orok suona come una “rivincita” per il suo proprietario

Attualità
Spread the love

Orok raggiunge il primo successo in carriera alla terza uscita, dopo 2 quinti posti, in una corsa che lo ha visto assoluto protagonista, dove è emerso il valore tecnico, tanto chiacchierato prima dall’inizio della stagione. Regala cosi in un colpo, la prima gioia stagionale al suo interprete Nino Murru, e ai colori viola a stelle bianche di Fabrizio Cappai, che torna alla vittoria da proprietario, vittoria che ha il suono della rivincita, della passione, quella costante che non molla mai, neanche quando le cose non girano, ma che ti riempie di gioia quando si ritorna al successo, e ti riscatta dalle sconfitte del passato. In questo sport non c’è mai nulla di certo, tranne la passione, e i sacrifici che ci mette un proprietario, per divertirsi e togliersi le soddisfazioni personali, come in questo caso. Orok è l’unico fondo arabo in Italia figlio di Bombolino, ed era atteso, sotto gli occhi di tanti appassionati di genealogia. Scambiando due chiacchiere con Fabrizio, e con il Team di Cosimo Congiu è emerso che indubbiamente le aspettative su Orok erano diverse, ma che comunque ci vorrà del tempo, prima che diventi un cavallo maturo; il primo passo lo ha fatto Venerdì pomeriggio, con una prestazione ad hoc. Orok è come detto, un figlio di Bombolino e della fattrice Quattrin, allevato dal giovane Ezio Montesu, che torna al successo da allevatore dopo 9 anni.

 

Il video della corsa 

Lascia un commento